Arrestati in flagranza di reato dalla Polizia postale di Catania due cittadini bulgari: i due, ventenni, sono stati trovati in possesso di centinaia di carte di credito clonate e di 'skimmer', l'apparecchiatura in grafo di carpire i dati informativi delle carte di debito o di credito. 

I due erano stati identificati alcuni giorni fa e denunciati a piede libero per la dentenzione di alcune carte di credito clonate. La polizia ha quindi avviato un'indagine. Seguendo i ventenni, gli agenti sono risaliti alla loro dimora provvisoria e, nel corso di una perquisizione, qui hanno rinvenuto le apparecchiature informatiche di ultimissima generazione che servono a clonare le carte come delle microtelecamere.

Sono state inoltre trovati 17.000 euro in contanti, 200 carte di credito clonate e alcuni computer portatili. Il pm Vincenzo Serpotta ha convalidato gli arresti e ha disposto il trasferimento degli arrestati presso il carere Piazza Lanza.