Sul "brand-mafia" in Sicilia si discute da lunghi decenni: utilizzare con scopi di marketing la mafia di lupare e padrini come se fosse un marchio con tanto di copyright

[Continua la lettura dell’articolo]