L’hanno chiamata “Festacrante“, il nome che avrebbe scelto Vincenzo Rabito. A lui, scrittore “inalfabeto” protagonista di un clamoroso successo letterario, è dedicata la festa che il 16 ottobre animerà alcuni posti simbolici di Chiaramonte Gulfi, il piccolo paese della provincia di Ragusa dove Rabito è nato e vissuto.

“Festacrante” è stata organizzata in occasione dell’uscita del suo secondo libro. Dopo Terra matta ne aveva scritto un altro, Il romanzo della vita passata, pubblicato in questi giorni da Einaudi.  Il dattiloscritto è stato recuperato e curato dal figlio Giovanni che vive in Australia e che il 16 ottobre sarà uno dei protagonisti della festa.

Sia in “Terra matta”, dal quale la regista Costanza Quatriglio e Chiara Ottaviano hanno ricavato un film, sia nel nuovo “romanzo” Rabito racconta la sua vita “molto desprezzata e maletrattata” che incrocia molti passaggi della storia d’Italia.

Rabito, morto nel 1981, usa una lingua inesistente con parole inventate o riadattate separate da un punto e virgola. Lo stile dello scrittore analfabeta (non è andato a scuola perché veniva da una famiglia molto povera) è stato studiato dalla critica. “Terra matta” è stato anche tradotto. Studiosi e traduttori si ritroveranno ora a Chiaramonte Gulfi per la festa che toccherà vari posti: la sala Sciascia; le due società di mutuo soccorso di piazza Duomo; il circolo di conversazione, nell’ex chiesa di Santa Teresa. In collegamento con tutti i siti saranno proposte letture di brani tratti dai due libri di Rabito, proiezioni cinematografiche, performance teatrali e composizioni musicali: tutte le opere sono tratte o collegate ai testi di Rabito.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia