È stata fatta luce sull'omicidio, commesso 25 anni fa a Cianciana, nell'Agrigentino, del 41enne Diego Passafiume, imprenditore nel settore del movimento terra. Sono scattate le manette per Filippo Sciara, 54 anni, ritenuto affiliato alla famiglia mafiosa di Siculiana.

Passafiume è stato assassinato il 22 agosto del 1993 con tre fucilate: secondo quanto ricostruito dalle forze dell'ordine, non aveva voluto piegarsi alle regole imposte dalle cosche mafiose circa la spartizione dei subappalti nel settore del movimento terra e del trasporto di inerti.

Il cold case, dopo una prima archiviazione, era stato riaperto sulla base di alcune dichiarazioni da parte di collaboratori di giustizia. Nel luglio del 2017 è arrivata la svolta, quando i carabinieri hanno fatto vedere alcuni album fotografici ai parenti della vittima, che avevano assistito al delitto e che hanno concentrato i sospetti su Sciara.