Quante volte vi siete chiesti che fine fa il cibo usato dagli chef in tv nei programmi sulla cucina? Ecco sappiate che gli chef non sprecano il cibo in tv, lo riciclano. Tutto quel ben di Dio a disposizione degli chef viene utilizzato e gli alimenti stoccati, invece quello che viene cucinato si mangia dietro le quinte.

La dispensa di Masterchef è tra le più fornite di prelibatezze, ed è facile credere che buona parte del cibo vada sprecata. Ma il pluristellato chef Barbieri rivela:"Niente di quello che vedete nella trasmissione si butta o va sprecato, tutto viene ridistribuito".  Le derrate che arrivano ogni giorno vengono stoccate e conservate dal gruppo di chef che lavora dietro le quinte. Il cibo che si deteriora viene riutilizzato per la mensa interna, che serve circa cento persone. Non solo, si fa anche beneficenza: gli insaccati, i formaggi, la pasta e la carne vengono donati a l'Opera Cardinal Ferraris di Milano, che li distribuisce ai poveri. Simile situazione per Davide Mengacci a Ricette all'italiana, "appena smettiamo di girare gli spettatori in piazza si fiondano sui tavoli. C'è un sacco di gente, compresi i bisognosi che ne approfittano per riempirsi lo stomaco". 

Alla Rai le cose vanno diversamente. Antonella Clerici avrebbe voluto dare in beneficenza gli avanzi, ma le regole non lo permettono; la merce da esposizione torna al produttore e il cibo cucinato si mangia dietro le quinte. "Abbiamo un consumo giornaliero, viene consumato tra gli operatori dietro le quinte, se il pubblico ne vuole un po’ non possiamo darglielo". Questa regola ce la spiega Simone Rugiati, di Cuochi e Fiamme, "se uno spettatore assaggia qualcosa e si sente male ci chiudono la trasmissione", afferma. Rugiati ha il suo metodo, pianifica due terzi della spesa per tre giorni di puntata, arrivati al terzo giorno sa già cosa gli serve ed evita gli sprechi. Conclude dicendo "il resto della spesa viene riutilizzata per la nostra pausa pranzo, qui si ricicla tutto".