Bagni sporchi e ai limiti dell'inagibilità, manca perfino la porta del gabinetto riservato ai disabili, nessun addetto alle pulizie disposto a lavorare e soltanto tre giardinieri in servizio per un'area di circa 12 mila metri quadri. Riapre così, dopo quasi due anni di chiusura, La Città dei ragazzi a Palermo. Un'apertura a mezzo servizio, l'orario in cui è consentito l'accesso al pubblico è infatti limitato a due ore e trenta al giorno (dalle 10 alle 12,30).

[Continua la lettura dell’articolo]