“Bedda, ci vediamo in Via Monfi”. La formula più sbrigativa per fissare un incontro con la “femminella” desiderata conduceva inevitabilmente al cuore salottiero di Catania, la via Monfalcone. Una striscia di strada per un ventennio eletta a simbolo ‘modaiolo’ della gioventù catanese, per intenderci quella divisa tra le frequentazioni dei pomeriggi dell’Empire e del Mcintosh.

[Continua la lettura dell’articolo]