Gli effetti della crisi in Sicilia continuano a farsi sentire, con un incremento delle richieste di prestiti pari al 3,5% nel primo trimestre del 2015, in controtendenza rispetto al dato nazionale, che ha registrato invece una contrazione del -3,6%. L'analisi è stata elaborata sulla base del patrimonio informativo di Eurisc, Sistema di Informazioni Creditizie di Crif. 

Vediamo quali sono le province maggiormente in difficoltà. A registrare l'incermento più sostenuto è la provincia di Ragusa, con un +12,4% rispetto al trimestre del 2014, seguita dal Palermo, con il +8,5%, Catania ed Enna, entrambe con il +6,9%, e Messina, con il +5,5. Decisamente diverso il dato per la provincia di Caltanissetta, che si piazza all'opposto della classifica, con un -8,1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

In relazione all'importo richiesto, nei primi 3 mesi dell'anno la media più consistente è stata quella della provincia di Agrigento, con 76.963 euro. La provincia di Enna ha registrato un importo medio richiesto pari a 33.123 euro, mentre a Palermo la cifra si è assestata a 46.874 euro.