Si tratta di figli di lavoratori a cui in questi anni è stata offerta l’opportunità  di usufruire del prepensionamento in cambio dell’assunzione dei propri «discendenti».

[Continua la lettura dell’articolo]