Con l'avanzare degli anni il nostro corpo cambia, così come il metabolismo, che si modifica e rallenta. Le abitudini alimentari, per questo motivo, non possono rimanere sempre le stesse, ma devono modificarsi in ragione dell'età. Pensare di rimanere in forma mangiando come sempre è una convinzione che bisogna sfatare una volta per tutte. 

Il sito Women's Healtg Mag ha chiesto il parere della dietista e nutrizionista Karen Ansel, esperta dell'Academy of Nutrition and Dietetics, che ha fornito ai lettori alcuni consigli per una sana perdita di peso che tenga in consideraizione i cambiamenti fisici

Ovviamente, prima di iniziare una qualsiasi dieta, bisogna sempre sentire il parere del proprio medico: sconsigliamo i regimi alimentari fai da te e le soluzioni che promettono di raggiungere veloci risultati in poco tempo. Quelli che riportiamo di seguito sono consigli a carattere informativo.

Vediamo come dovrebbe cambiare la dieta in relazione all'età.

20 anni: si è più liberi di mangiare fuori con gli amici ogni volta che si vuole. Certo, in questo modo si introducono più calorie, quindi meglio cercare di optare ogni tanto per i piatti più dietetici o vegetariani. Un'altra soluzione è mangiare solo metà del pasto. È fondamentale non lasciarsi distrarre da pc, tablet e tv durante il pasto, in modo da avvertire al momento giusto il senso di sazietà.

30 anni: il tempo libero scarseggia e il metabolismo comincia a rallentare. È importante tenere in dispensa cibi che ci aiutino a preparare pasti veloci e sani: secondo la nutrizionista, potrebbe essere utile fare una scorta di pasta integrale, salsa di pomodoro e fagioli bianchi. Potreste portare in tavola una bella frittata con le verdure o salmone accompagnato da un'insalata di pomodorini.

40 anni: inizia a perdersi la massa muscolare, quindi bisogna mangiare la giusta quantità di proteine al momento giusto. Non è corretto mangiarle solo a cena, poiché il corpo non ha il tempo per convertirle in energia, quindi poi le immagazzina come lipidi. Distribuendo l'assunzione delle proteine, l'organismo ne incamera un flusso costante, che può utilizzare nel corso della giornata. La giusta dose si attesta tra i 20 e i 30 grammi a ogni pasto e tra i 5 e i 10 grammi per gli spuntini.