Terremoto politico a Castelvetrano, in provincia di Trapani, per la storia del consigliere comunale "amico" di Matteo Messina Denaro. Le intercettazioni con protagonista Calogero "Lillo" Giambalvo hanno sollevato un vespaio di polemiche. Che non accennano a diminuire. Non a caso Le Iene sono tornate sulla questione, chiedendo al ministro dell'Interno Angelino Alfano, che ne avrebbe facoltà, di intervenire. Il nuovo servizio si può vedere a questo indirizzo.

Nel frattempo 20 consiglieri comunali di Castelvetrano su 30 hanno deciso di sospendere con efficacia immediata, e per i prossimi giorni, ogni attività legata ai lavori del consiglio comunale e delle commissioni consiliari. L'obiettivo  è quello di indurre Giambalvo a "un atto di responsabilità nei confronti della comunità castelvetranese". In altre parole, ne chiedono a gran voce le dimissioni.

I consiglieri che si sono auto-sospesi sono Enrico Adamo, Giuseppe Berlino, Piero D'Angelo, Nicolò Giurintano, Giacomo Saladino, Salvatore Vaccarino, Gaspare Varvaro, Piero Barresi, Salvatore Ingrasciotta, Pietro Sciacia, Tommaso Bertolino, Gianpiero Lo Piano Rametta, Maria Sillitto, Giuseppe Di Maio, Giusy Etiopia, Francesco Giannilivigni, Antonino Vaccara, Gaetano Accardo, Giuseppe Curiale e Luciano Perricone.