Dormire troppo è pericoloso. Anzi, può provocare danni quanto l'alcol o le sigarette. Il mix micidiale, poi, consisterebbe in un'eccesiva durante del sonno e più vita sedentaria. Sono le conclusioni alle quali è giunto uno studio dell'Università di Sydney del quale dà conto il "Daily Mail". Dormire più di 9 ore per notte, insieme a uno stile di vita sedentario durante il giorno e all'assenza di esercizio fisico, può diventare davvero devastante, aumentando di 4 volte il rischio di morte prematura.

Melody Ding, autore dello studio, ha osservato il comportamento di più di 230 mila partecipanti a una ricerca condotta in Australia, che ha analizzato le condizioni di salute durante l'invecchiamento. I comportamenti presi in esame sono quelli già noti per aumentare il rischio di malattia: fumo, alcol, dieta povera e inattività.

Gli esperti hanno aggiunto a queste variabili anche la sedentarietà e l'eccesso di sonno (o la sua carenza). Hanno quindi valutato diverse combinazioni dei fattori di rischio per determinare quale mix può aumentare la probabilità di morte prematura. La conclusione di questa analisi è che la macedonia da evitare è un calderone con sonno prolungato, stare troppo seduti e mancanza di esercizio.

Tuttavia lo studio ha anche rivelato che un riposo di meno di 7 ore per notte aumenta il rischio di morte prematura di 4 volte quando è combinato al fumo e a un'alta assunzione di alcol. Altre combinazioni preoccupanti comprendono l'essere fisicamente inattivi e dormire troppo, essere inattivi e stare troppo seduti, fumare e bere troppo.

Adrian Bauman, co-autore dello studio, ha ricordato che le malattie non trasmissibili – tra cui cardiopatie, diabete e cancro – ora uccidono più di 38 milioni di persone nel mondo causando più morti delle malattie infettive. Un risultato che secondo i ricercatori dovrebbe orientare i programmi di salute pubblica al fine di ridurre i costi sociali delle malattie collegate agli stili di vita.