01Fanpage http://goo.gl/PnEgmx Museo Salinas di Palermo

Un pendente policromo in vetro, a forma di testa maschile bifronte, proviene dalla Montagnola di Marineo, identificata, grazie a recenti indagini archeologiche, con l’antica città di Makella nominata nelle fonti letterarie ed epigrafiche.
L’oggetto, pertinente all’artigianato fenicio-punico, può datarsi al III sec. a.C.; riproduce due volti, fortemente caratterizzati e molto simili tra loro, a meno del colore: ovali, con fronte stretta, folte sopracciglia, grossi baffi e capigliatura voluminosa e riccia che scende ai lati del volto. I dettagli sono costituiti da filamenti di vetro applicati a rilievo o impressi. In particolare i ricci, sia dei capelli che della barba, sono costituiti da filamenti applicati singolarmente. Sulla sommità del capo vi è un grosso anello per la sospensione. Il pendente, di dimensioni molto superiori a quelle consuete per lo stesso tipo di oggetto, è realizzato con l’uso di due stampi e il punto di sutura è camuffato da una colata di vetro fuso mascherata dai riccioli della capigliatura.
Si tratta di un pezzo eccezionale per stile, qualità di realizzazione e raffinatezza di esecuzione che trova confronto, sotto il profilo tipologico, in un solo altro esemplare rinvenuto nell’isola di Maiorca. 

#museosalinas #fenicio #punico #marineo #gioiello #pendente