Dramma per Pippo Baudo: il siciliano si confessa in TV

Il noto presentatore siciliano, Pippo Baudo, domani sera sarà ospite della trasmissione “Grand Hotel Chiambretti” in onda su Canale 5. E’ in questa occasione, che il presentatore di Militello in Val di Catania,  racconterà un fatto che lo ha particolarmente traumatizzato.

“IO VITTIMA DI UN REGOLAMENTO DI CONTI CON LA MAFIA”

Come racconta il grande Pippo, sembra che la mafia lo avesse preso di mira tanti anni fa, per via di alcune sue affermazioni fatte in occasione della celebrazione del giudice Chinnici a Taormina.

Quella volta Baudo parlò male della mafia e, a seguire, ci fu una terribile vendetta.

Questa, come racconta Pippo, è una vicenda che mi costò molto cara (e non solo in termini economici ma ovviamente morali).

Nel 1991 la Mafia, a seguito di alcune affermazioni, venne a casa mia, distruggendo completamente la mia villa che avevo fatto costruire ad Acireale. Un regolamento di conti in vecchio stile. Fortuna… che non mi trovarono.

A distanza di qualche anno, il presentatore fece ricostruire la villa, ma si accorse che non aveva più voglia di stare in quel posto. Non sarebbe più riuscito a sentire quella casa, come un luogo sereno, dove trascorrere del tempo nella sua amata Sicilia. Così decise di venderla al primo acquirente, sperando di mettere un punto a questa assurda vicenda. Ma così non è stato. 

Il ricordo di quegli anni è indelebile nella sua mente.

Pippo porta ancora con sé quei momenti di paura, che con grande difficoltà, sta cercando di superare.