01I caricatori della Sicilia – a cura del Prof.re Ferdinando Maurici
 
Roccapalumba: Corso sulla storia del grano in Sicilia: Fosse granarie, Caricatori e Mulini ad acqua- Simboli, Storia, Cultura, Tradizione e Alimentazione,organizzato da SiciliAntica.

Terza lezione al Corso sulla storia del grano in Sicilia organizzato dall’Associazione SiciliAntica sede di Roccapalumba con il patrocinio del Comune di Roccapalumba e il contributo della Soat di Lercara Friddidella cantina “Feudo Montoni” di Cammarata, del ristorante “Lagoverde” di Alia e “Oasi” di Borgo Manganaro, del Sementificio “Costa” di Vicari e dei panifici Gangi e La Pergola di Roccapalumba.

 

Sabato 23 maggio 2015 alle ore 16,30 presso l’aula consiliare “Rocco Chinnici” di Roccapalumba, dopo la presentazione di Giuseppe Pollina, Presidente SiciliAntica sede di Roccapalumba, si terrà la terza lezione: I caricatori della Sicilia curata dall’archeologo e storico del Medioevo Ferdinando Maurici.

Domenica 24 maggio a partire dalle ore 10,30 (appuntamento alle ore 9,30 presso Largo Roma a Roccapalumba – lo spostamento avverrà con mezzo proprio), si svolgerà la visita guidata al Castello di Campofelice di Roccella, curata dalla sede locale di SiciliAntica. In tale luogo è attestato, nel 1371, l’esistenza di un  “caricatore”, punto d’imbarco dei cereali prodotti nelle madonie e nella piana di Roccella.

Alla fine del corso sarà rilasciato un attestato di partecipazione, utile ai fini del credito formativo per gli studenti degli Istituti di istruzione secondaria superiore 

Per informazioni ed iscrizioni: 388.7428576.  E-mail:roccapalumba@siciliantica.it

Ferdinando Maurici è attualmente in servizio presso il Centro regionale per l’inventario e la catalogazione dei beni culturali di Palermo. Dottore di ricerca in Storia medievale e in Archeologia, ha studiato in Spagna e Germania e ha conseguito l’abilitazione scientifica nazionale universitaria in archeologia. Ha condotto ricerche d’archivio in Italia e Spagna e scavi medievali in varie località della Sicilia, a Firenze e in Spagna. È inoltre autore di numerose pubblicazioni dedicate alla storia, all’archeologia e alla topografia medievale della Sicilia.