01E' anche un po' siciliano il primo cioccolato equosolidale nella storia  a conquistare il premio Tavoletta d'Oro 2015, consegnato dalla Compagnia del Cioccolato all'interno del Taste di Firenze.

Il cioccolato è stato selezionato da un panel di oltre 700 prodotti dei migliori cioccolatieri nazionali.
È la dimostrazione che equità può e deve far rima con qualità: grazie a un'attività di controllo serrato della filiera che vede come attori principali le piccole cooperative di produttori di cacao alla strenua difesa della biodiversità, cui viene garantita dignità ed equo compenso, e al lavoro certosino, quasi ossessivo, di selezione dei migliori cacao monorigine, nasce il primo cioccolato equosolidale di pregio che abbina alla ricerca dell'eccellenza qualitativa del cacao, l'utilizzo di un particolare dolcificante naturale, lo zucchero di cocco che proviene dalla colatura della melassa ottenuta dall'incisione del pistillo del cocco.

Accostamento che conduce direttamente e meritatamente sul podio la tavoletta a marchio Equolink che conquista il premio Cioccolatiere Emergente 2015 per la linea realizzata con cacao monorigine proveniente da quattro paesi diversi (Costa d'Avorio, Colombia, Ecuador e São Tomé) e si piazza tra i tre finalisti del premio Cioccolato d'Origine con la tavoletta São Tomé.
Una grande soddisfazione per chi ha creduto e lavorato per strappare dall'anonimato il cioccolato equo: un enorme lavoro in sinergia tra il coordinatore della filiera, Andrea Mecozzi della rete Chocofair, Salvo Monachino della centrale di importazione palermitana Scambi Sostenibili che a marchio Equolink, coinvolgendo altre quattro centrali di importazioni equosolidale, ha finanziato il progetto e distribuito il prodotto e il lavoro di trasformazione condotto dalla Domori, eccellenza mondiale nella produzione di cioccolato.

La Sicilia, già famosa per la tradizione legata al cioccolato modicano, continua a collezionare importanti successi e riconoscimenti nel mondo dell'enogastronomia di alta qualità.

Immagine