Per noi siciliani credenze e superstizioni sono sempre stati il sale della vita; ed anche se il quadro sociale non è certo più quello di sessanta o cento anni fa, sono tanti quelli che ancora oggi, e soprattutto nel gioco, si affidano a riti e scaramanzie per ingraziarsi i favori della dea bendata. Sogni premonitori, se veramente tali sono, vanno ben ricordati ed interpretati, ed a tal uso si fa spesso ricorso ad esperti o si consultano vecchi libri. Anticamente, chi avendo giocato al lotto sperava nel classico colpo di cu. . .  pardòn di fortuna, si affidava anche ad invocazioni e preghiere coinvolgendo nella mischia tanti ignari santi costretti, loro malgrado, ad occuparsi di cose non certo di loro competenza. Ecco quindi che pigliare il classico “ternu ‘nsiccu” diventava una cosa dai contorni quasi misteriosi a cui ognuno giungeva, evento comunque raro, segretamente e con personali riti ed alchimie.

Oggi e lunniri dumani martiri, la me furtuna di luntanu avi a partiri

e si parti di luntana via, veni  furtuna e veni pi mia,

veni di jiornu e fammi priari, veni di notti e nun mi fari scantari;

dammi tri nummari nun ti lu scurdari, dammi tri nummari e fammi pigghiari !

 

 

 

 

I santi poi erano sempre nei pensieri dei giocatori

 

Santu Bastianu, Santu Bastianu curriggitimi sta manu,

quantu pigghiu a primu bottu sti tri nummari du lottu !

 

Santa Rusulia vergini amurusa furtuna purtati dintra sta casa

purtati furtuna virgini bedda ca v’addumamu na canniledda !

 

        Inutile dire che in caso di perdurante mancata vincita i santi “inadempienti” venivano presto scaricati con la classica frase “pruvamu cu nautru ”. Io in ogni caso di ciò che vi ho riportato vi cedo liberamente i diritti; il tutto ovviamente a vostro “rischio e pericolo”; se infatti i santi fossero in ferie o momentaneamente assenti, declino altrettanto liberamente qualsiasi responsabilità. Nelle more sapete come si dice dalle mie parti:  “ A furtuna è sutta un peri aranciu e  si un travagghiu un manciu” !