"Il nostro matrimonio non è mai stato consumato. Incredibile, vero?".

Questa è stata la dichiarazione shock a proposito del matrimonio di Valeria Marini. La showgirl si è raccontata per per la prima volta, al Corriere della Sera, con una intervista che la ritrae sofferenza ma speranzosa alla notizia che la Sacra Rota, potrà annullare il matrimonio avvenuto con l'imprenditore, Giovanni Cottone, restituendole quella libertà che inspiegabilmente, il palermitano le aveva tolto. 

Il matrimonio di Valeria Marini, come racconta la donna, è stato un vero incubo, un fallimento. Giovanni era sempre fuori per lavoro e spesse volte fingeva anche di essere in un posto piuttosto che in altro.

"Non è stato presente al funerale di mio padre così come in tante altre occasioni per me importanti. Il tutto,  come una storia che finisce male, iniziò il giorno dopo del matrimonio, dove a casa, a Roma, mi parlava con un timbro di voce nuovo, brutto, rude, quasi mancandomi di rispetto, o come se fosse stato ineducato."

Quella mattina, ricorda ancora Valeria al giornalista del Corriere della Sera, mi svegliai dopo la cerimonia, e gli accennai un discorso che in un certo qual modo toccava la mia famiglia e lui rispose, dandomi le spalle cone questa frase "non sono affari che mi riguardano… "

Venuta a mancare la fiducia, per costruire la famiglia che ha sempre sognato, Valeria ha tutte le carte in regola per chiedere l'annullamento.