Il portale Dove e Come Mi Curo ha realizzato, in vista della Giornata mondiale del cuore del 29 settembre, un'indagine sugli ospedali  migliori per volume di interventi di angioplastica coronarica, bypass aortocoronarico, aneurisma dell'aorta addominale non rotto e di ricoveri per infarto al miocardio. In questi casi, la scelta dell'ospedale giusto è determinante: solo 1 ospedale su 2 in Italia rispetta gli standard ministeriali per quanto riguarda i volumi di ricoveri per infarto al miocardio (100 casi l'anno) e di interventi di angioplastica coronarica (250 casi l'anno).

Solamente 1 su 4 lo fa per ciò che concerne il numero di interventi di bypass aortocoronarico (200 casi l'anno) e di aneurisma dell'aorta addominale non rotto (60 casi l'anno). "Il volume di attività è un fattore fondamentale per capire la bontà di una struttura perché, secondo quanto dimostra un'ampia letteratura scientifica, un alto numero di interventi ha un impatto positivo sull'efficacia delle cure", spiega il comitato scientifico del portale composto da Carlo Favaretti, Alessandro Solipaca, Elena Azzolini e Silvio Capizzi.

Dall'indagine sono emersi i seguenti ospedali: l'ospedale di Parma (per il numero di interventi per infarto miocardico), l'Azienda Ospedaliera San Giovanni di Dio e Ruggi di Salerno (per numero di interventi di bypass aortocoronarico), l'ospedale San Raffaele di Milano (per numero di interventi per aneurisma dell'aorta addominale non rotto) e il Centro cardiologico Monzino di Milano (per numero di interventi di angioplastica coronarica con Ptca).

Ecco i dettagli per i singoli interventi.

Infarto miocardico. Le 5 strutture che in Italia effettuano un maggior numero di ricoveri sono:

1) Ospedale di Parma (n° ricoveri 1010)

2) Arcispedale Sant'Anna, Cona (FE) (n° ricoveri 851)

3) Azienda ospedaliera A. Cardarelli, Napoli (n° ricoveri 834)

4) Azienda ospedaliero universitaria Ospedali Riuniti di Trieste – Cattinara – Maggiore, Trieste (n° ricoveri 817)

5) Policlinico Sant'Orsola-Malpighi, Bologna (n° ricoveri 813)

 

Bypass aortocoronarico. Le 5 strutture che in Italia effettuano un maggior numero di interventi sono:

1) Azienda ospedaliera OO.RR. San Giovanni di Dio e Ruggi, Salerno (n° interventi 348)

2) Ospedale Borgo Trento, Verona (n° interventi 327)

3) Casa di Cura Sant'Anna Hospital, Catanzaro (n° interventi 322)

4) Presidio ospedaliero G. M. Lancisi, Ancona (n° interventi 317)

5) Casa di Cura Pineta Grande, Castel Volturno (n° interventi 310)


Aneurisma dell'aorta addominale non rotto. Le 5 strutture che in Italia effettuano un maggior numero di ricoveri sono:

1) Ospedale San Raffaele – Gruppo Ospedaliero San Donato, Milano (n° interventi 274)

2) Presidio ospedaliero Molinette, Torino (n° interventi 206)

3) Policlinico Umberto I, Roma (n° interventi 172)

4) Azienda ospedaliera San Camillo Forlanini, Roma (n° interventi 157)

5) Presidio ospedaliero G. M. Lancisi, Ancona (n° interventi 149)

 

Angioplastica coronarica con Ptca. Le 5 strutture che in Italia effettuano un numero maggiore di ricoveri sono:

1) Centro cardiologico Monzino, Milano (n° interventi 1961)

2) Azienda ospedaliero universitaria Careggi, Firenze (n° interventi 1233)

3) Ospedale San Raffaele – Gruppo ospedaliero San Donato, Milano (n° interventi 1181)

4) Ospedale Maggiore Carità, Novara (n° interventi 1151)

5) Clinica Mediterranea, Napoli (n° interventi 1125).