Elisir d’Amore del Cavalier Turrisi: a Castelmola piccolo paesino della Sicilia orientale arroccato subito sopra Taormina, nasce la storia dell’Elisir D’Amore del cavalier Turrisi.  Nell’immediato dopoguerra reduce di ritorno alla sua terra natia Castelmola, Turrisi fondò in quella che era la casa paterna proprio al centro della piazza principale, un piccolo emporio “La Taverna del mandorlo in Fiore”. Dapprima commerciava ogni sorta di bene, mandorle, pupi siciliani, piccoli manufatti di artigianato locale, ma anche vino, gazzose, e bibite varie. Si può dire che al tempo era difficile trovare qualsiasi cosa, si pensi che per avere una banale bottiglia di vetro vuota, si aspettava anche più di sei mesi. Le difficoltà inizialmente furono tante, ma con il tempo, questo bar-emporio si ingrandì e cambiò nome diventando il “Bar Turrisi” assumendo una sua particolare identità grazie all’originalissimo arredamento ed alla mescita di un particolare prodotto creato dallo stesso cavalier Turrisi: l’Elisir D’Amore”. Negli ultimi decenni dell’800, la Sicilia  e soprattutto Taormina e la vicinissima Castelmola, furono scelte come luoghi di villeggiatura e di vacanze da tante ricche ed illustri famiglie europee, intellettuali ed artisti spesso ospiti presso di loro, cominciarono a frequentare insieme ai rampolli desiderosi di nuove emozioni, oltre ai salotti dell’aristocrazia e dell’alta borghesia siciliana, anche locali caratteristici tra i quali uno in particolare diverso da tutti gli altri. Era diventato noto il Bar Turrisi, un bar fortemente caratterizzato da elementi decorativi che crearono al tempo non poche polemiche tra i paesani di Castelmola. Era il 1950 quando il cavaliere Turrisi, ispirandosi all’antica grecia, arredò il locale con grossi “falli” in segno di fortuna e fecondità, inoltre introdusse una originale novità mettendo all’ingresso del bar un libro di dediche sul quale i visitatori potevano lasciare un pensiero piuttosto che un’opinione. Questa idea fece scalpore e destò molta curiosità facendo diventare il “Bar Turrisi” noto perfino all’estero. Una kermesse di personaggi illustri hanno lasciato il segno del loro passaggio in questo storico bar, dove hanno trascorso serate all’insegna della trasgressione e della sfrenatezza, sorseggiando il famoso Elisir D’Amore, un vino alla mandorla dal profumo inebriante e dal sapore unico. Il Bar Turrisi ed i suoi libri di dediche sono un’importante testimonianza storica, una finestra nella vita sociale del dopoguerra, e l’Elisir D’Amore, un vino senza tempo che ancora oggi accarezza il palato di tutti i visitatori.