Le indagini hanno rivelato che era solito picchiare moglie e figli da anni e nell'ultimo episodio l'ennesima escalation di violenza è scaturita da un motivo estremamente futile: un tablet rotto. I carabinieri hanno arrestato a Troina (in provincia di Enna) un disoccupato di 44 anni: a causa di un guasto al tablet, l'uomo si è scagliato contro il figlio di 14 anni, lo ha spinto contro una parete e l'ha colpito alla testa con l'apparecchio malfunzionante.

Sentendo le urla è accorso anche il fratellino più piccolo e l'uomo ha reagito prendendo a calci entrambi i figli e la moglie che stava cercando di proteggerli. La donna è comunque riuscita a chiamare il 112, permettendo così ai carabinieri di intervenire ed arrestare il marito. Il magistrato ha disposto gli arresti domiciliari in un casa di campagna dell'uomo, lontano da moglie e figli, che hanno riportato durante l'ultimo episodio di violenza contusioni e lesioni in diverse parti del corpo.

In seguito all'intervento delle forze dell'ordine è emerso che il 44enne picchiava da anni i suoi familiari e che aveva instaurato in casa un vero e proprio clima di terrore.