etna

Dopo le scosse di terremoto di stamattina, è iniziata sull’Etna una nuova forte eruzione, il 18° parossismo del 2013, però, non è purtroppo visibile ad occhio nudo nè dalle webcam a causa del maltmepo con fitte nubi che oscurano la visibilità della cima del vulcano. Il tremore è salito fino ai livelli della violentissima eruzione di sabato mattina, e nelle zone orientali del vulcano odono forti boati. La nube di cenere si dirige verso lo Stretto di Messina e la Calabria, a causa dei venti di libeccio.