MILANO. Sapete quanti soldi servono per "congelare" l'Albero della Vita e fargli superare l'inverno?

Servono 360 mila euro. La somma dovrebbe servire a far trascorrere l’inverno in sicurezza al simbolo dell’Esposizione. Nel mentre i padiglioni che hanno ospitato la più grande fiera del mondo verranno smontati per poi essere rimontati in giro per il mondo. 

Per sette lunghi anni, si è lavorato per costruire strade, padiglioni, arredamenti e location di ogni tipo. Oggi l'Expo è solo un bellissimo ricordo e tutto il materiale dovrà essere smontato. 

Tante le soluzioni proposte per riutilizzare le strutture:

Ad esempio, il padiglione dell’Azerbaigian diventerà un grande spazio espositivo dedicato al mondo degli chef emergenti. Gli Emirati Arabi riportano la loro struttura a casa e la rimontano in un deserto. C'è tanto materiale ed i camion sono già all'opera.

Ma dell'Albero della Vita cosa ne facciamo?

L'Albero della Vita non va smontato ma congelato. Ha affascinato milioni di turisti di tutto il mondo fra luci e giochi d'acqua, è un vero spettacolo. Quindi non va smontato ma congelato, perché – continua Gatti – «da aprile o da quando la politica vorrà potrebbe tornare in funzione» 

Valutazione di congelamento

Servono quindi 360 mila euro – da reperire fra gli sponsor – per congelare la struttura e fargli superare l'inverno. Un vero affare se si pensa che solo per smontarlo ne sarebbero serviti 500 mila.