Una famiglia gelese di 6 persone proveniente da San Francisco e diretta a Roma, è bloccata da due giorni a Londra per la nebbia. Gli aerei partono, ma in quantità ridotta. Il capofamiglia, Claudio Guastella, è un tecnico informatico, la moglie, Stefania Pistritto, è una giornalista, e i loro quattro figli, 2 femmine e 2 maschi di età compresa fra i 3 e i 14 anni, sono stati abbandonati a se stessi dalla British Airways, raccontano. 

Dopo 5 ore, sono stati invitati a trovare un alloggio in albergo a spese proprie. Stessa cosa l'indomani, con "bivacco" in aeroporto per tutta la giornata domenicale e notte in albergo con notevoli disagi. Nel frattempo la famiglia siciliana ha perso anche la coincidenza col volo interno in Italia che li avrebbe portati da Roma a Catania, per poi raggiungere Gela, dove dal 17 dicembre li attendono i parenti per trascorrere insieme le vacanze di Natale.

Un messaggio di protesta e un appello a sbloccare la situazione è stata inviata da Stefania Pistritto alla British Airways, che si è impegnata a farli partire per l'Italia con un volo nel tardo pomeriggio. Il timore riguarda anche il volo di ritorno (il prossimo 3 gennaio) che prevede il tragitto inverso con la stessa compagnia aerea.