Una spada di un metro circa, due di circa 90 centimetri e una di 85 centimetri, una balestra smontata e due machete ricurvi della lunghezza di 40 centimetri ciascuno: era questo il contenuto di un sacco nero trasportato da un marocchino di 33 anni, fermato dai poliziotti della Polfer nel piazzale antistante la stazione di Catania. L'uomo aveva un atteggiamento sospetto ed è quindi stato controllato dai poliziotti, che hanno scoperto ciò che nascondeva: un vero e proprio arsenale di armi bianche dall'aspetto antico. 

Il 33enne non aveva con sé documenti, ma l'identità è stata confermata dalle impronte digitali: ha diversi precedenti per reati contro il patrimonio. Agli agenti non ha saputo dare giustificazioni relativamente al posssesso delle armi e alla loro provenienza, così è stato denunciato per possesso senza giustificato motivo di armi, per ricettazione e per porto abusivo di armi. Tutte le armi sono state sequestrate e poste a disposizione della Procura.