CARINI (PALERMO) – Nella zona industriale di Carini sono cominciati gli scavi ordinati dalla procura palermitana: si cerca sottoterra un'auto con i cadaveri di due vittime della mafia, Antonino Failla e Giuseppe Mazzamuto. Sarebbero stati eliminati su ordine dei boss Lo Piccolo di San Lorenzo perché sospettati di aver ucciso e fatto sparire Luigi Mannino, familiare dei capimafia.

I corpi di Falilla e Mazzamuto non sono mai stati trovati. I pentiti raccontano che dopo essere stati attirati in un tranello furono uccisi e sepolti sottoterra con l'auto con cui erano andati all'appuntamento mortale. A indicare ai pm Anna Maria Picozzi, Roberto Tartaglia e Amelia Luise dove sarebbe l'auto è stato il pentito Antonino Pipitone. L'aerea dei scavi è molto ampia: si procede col georadar che dovrà indicare l'eventuale presenza dell'auto.