Sui fichidindia abbiamo scritto molto in un altro articolo.
In questa pagina, invece, vogliamo concentrare le nostre energie sui fiori di questo meraviglioso frutto.

Anticamente l’infuso dei fiori raccolti ed essiccati era molto usato dalle nostre nonne per depurare il corpo, reni, fegato, sangue e per eliminare piano piano eventuali calcoli renali.

La preparazione che ci apprestiamo a descrivere è un infuso e non un decotto o una tisana.
Nell’infuso si usano tipicamente le parti tenere di una pianta essiccate e sminuzzate, così da aumentarne la superficie di contatto e aumentare l’estrazione dei principi attivi.

I fiori vanno raccolti d’estate ed essiccati (nel fiore non deve più trasparire la presenza di acqua).
Possono essere conservati a lungo ed usati anche in inverno. Basta usare l’accortezza di tenerli in un luogo asciutto. Magari dentro una busta. Io uso quelle del pane.

Preparare l’infuso è molto semplice.
Si fa bollire dell’acqua, si prendono 4 fiori di fichidindia (da 4 ad 8) per ogni tazza da tè, si sminuzzano e si immergono nell’acqua. Si lascia il tutto a riposo per 4 minuti e poi si filtra.

Non resta quindi che bere, magari dolcificando con del miele o dello zucchero.

E voi avete mai preparato un infuso con i fiori di fichidindia?

Come lo fate? Aggiungete per caso qualche altro ingrediente?
Autore | Viola Dante