Il pittore Francesco Lojacono è considerato il più importante paesaggista dell’Ottocento siciliano. Attraverso le sue opere ha raccontato la Sicilia e i suoi colori. Fu tra i primi a utilizzare la fotografia per realizzare le sue opere.

La vita

Francesco Lojacono fu iniziato all’arte dal padre Luigi, a sua volta pittore. Si trasferì a Napoli all’età di 18 anni e qui affinò le sue doti, frequentando diversi pittori viaggiatori ed entrando nella scuola dei fratelli Giuseppe e Filippo Palizzi. Da Napoli si spostò alla volta di Firenze, dove entrò in contatto con la scuola dei Macchiaioli.

Dopo lo sbarco dei Mille a Marsala, a 22 anni, prese parte con il padre e il fratello alla Spedizione dei Mille. Fu ferito nella Battaglia di Milazzo, ma continuò a combattere, partecipando anche alla Battaglia del Volturno. Nel 1862 venne fatto prigioniero in Aspromonte e nello stesso anno tornò in Sicilia. Fu in questi anni che ottenne una certa fama.

Nel 1870 espose il dipinto La Valle dell’Oreto a Vienna a Parigi e due anni dopo fu nominato Professore di Paesaggio all’Accademia di Belle arti di Napoli. Nel 1874 le sue opere furono esposte a Bordeaux. Conobbe negli anni Ottanta del secolo il giovane pittore Gennaro Pardo, di cui divenne amico e mentore. Lui fu suo erede artistico.

Il pittore Francesco Lojacono si guadagnò il soprannome di Ladro del Sole (o Pittore del Sole) per la capacità di dare luminosità alle sue opere. Tra i suoi committenti vi furono tanti aristocratici e tra i suoi allievi vi fu anche Michele Catti: Catti, Lojacono e Leto costituiscono la canonica triade di pittori siciliani del paesaggio siciliano dell’Ottocento.

Francesco Lojacono morì a Palermo nel 1915.

Le opere

Molti dei quadri di Francesco Lojacono si trovano a Villa Malfitano, alla Galleria d’Arte Moderna di Palermo e al Museo Civico di Agrigento come parte della collezione Sinatra.

Alcune opere sono esposte alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma, alle Gallerie d’Italia di Milano, al museo nazionale di Capodimonte e al museo di Villa Zito di Palermo della Fondazione Sicilia.

In foto: Francesco Lojacono – Galleria d’Arte Moderna (Palermo), Foto: Opera propria, Pubblico dominio, Collegamento