Furto di luce in provincia di Palermo, più precisamente a Camporeale. I malfattori avevano dato vita a un complesso sistema di cavi volanti collegati all'impianto pubblico dell'Enel che permetteva di abbattere i costi della bolletta del 100%. Un risparmio totale, certo, soltanto che la trovata… non è legale. Un "piccolo intoppo" che ha portato all'arresto da parte dei carabinieri, che stavano eseguendo delle operazioni di controllo nelle abitazioni di una palazzina popolare. 

Insieme ai tecnici dell'Enel, i militari hanno accertato che due appartamenti erano alimentati in maniera del tutto abusiva. Un nuovo caso che si aggiunge alla lunghissima lista di furti di energia elettrica rilevati in città e in provincia, dove gli esperti e le forze dell'ordine continuano ad effettuare migliaia di verifiche. Il fenomeno è ormai dilagante: dall'inizio dell'anno l'ormai proverbiale furto di luce ha causato oltre 150 arresti.


Fonte: LiveSicilia