GELA (CALTANISSETTA) – A Gela, in provincia di Caltanissetta, la polizia ha eseguito all’alba 12 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di 7 adulti e 5 minorenni accusati di spaccio, ricettazione e danneggiamento. L’operazione è stata denominata 'Praesidium' perché gli indagati avevano trasformato la loro area di spaccio, nel quartiere San Giacomo, spadroneggiando e imponendo a residenti e negozianti, con il terrore, le proprie regole malavitose. A chi si ribellava bruciavano l’auto o le porte di casa, garage, magazzini.

A un abitante del rione hanno incendiato la macchina perché si era permesso di consegnare alla polizia le registrazioni della telecamera di videosorveglianza sul suo portone. Le indagini, coordinate dal dirigente del commissariato Francesco Marino, sono iniziate nel luglio 2016 per concludersi a gennaio 2017. I procuratori di Gela, Fernando Asaro, e del tribunale dei minori di Caltanissetta, Laura Vaccaro, hanno chiesto e ottenuto i provvedimenti restrittivi, rispettivamente dal gip Paolo Fiore, per gli adulti, e dal gip Antonina Sabatino, per i ragazzi.