L’ondata di freddo e neve ha travolto ancora una volta la Sicilia nelle ultime ore. Diverse sono le strade o tratti di autostrada che vanno percorsi con catene o pneumatici da neve, come consiglia l’Anas. In alcune zone a causa delle abbondanti nevicate si sono anche registrati rallentamenti. Ecco le strade statali siciliane con maggiori criticità: SS 117 Centrale Sicula, SS 118 Corleonese – Agrigentina, SS 120 dell'Etna e delle Madonie, SS 121 che collega Palermo ad Agrigento, SS 188 Centro occidentale Sicula che collega Marsala a Lercara Friddi, SS 189 della Valle del Platani, SS 285 di Caccamo, SS 286 di Castelbuono, SS 624 scorrimento veloce Palermo Sciacca.

I sindaci di alcuni comuni dell’entroterra hanno deciso di chiudere le scuole a causa di strade ghiacciate e di abbondanti nevicate. Accade a di Piazza Armerina, Santo Stefano di Quisquina, Petralia Soprana e Sottana, Geraci, Valledolmo, Gangi. Disagi in particolare nella zona delle Petralie dove nevica da oltre una settimana e dove i carabinieri stanno costantemente monitorando la viabilità sulle principali arterie stradali: SS 120, SS 290, SS 643, SP 54. I militari inoltre stanno effettuando posti di blocco per verificare che mezzi pesanti e autovetture sprovvisti di catene o pneumatici da neve possano creare intralcio alla circolazione. 

Richieste anche alla centrale operativa della compagnia di Petralia Sottana, che è stata rinforzata in occasione di questa emergenza anche per poter fronteggiare in modo adeguato i disagi patiti dai cittadini madoniti. Ieri i carabinieri hanno soccorso diverse persone rimaste in panne a bordo delle proprie autovetture. Molti sono stati aiutati a montare le catene. In particolare il conducente di un’auto, con a bordo tutta la famiglia, stava rientrando da una gita a piano Battaglia (leggi qui). Purtroppo durante le manovre le catene si sono rotte. I militari li hanno soccorsi perché l’auto era rimasta bloccata su una strada ghiacciata e sotto una bufera di neve.