Si inaugura venerdì 1 aprile alle ore 18,30 al Palazzo Bongiorno di Gangi (PA) la mostra Gianbecchina – Il grande paesaggio. L’evento rientra in “Protagonista: Terra Arte e Natura”, un grande contenitore di appuntamenti dedicati all’arte.

La mostra di Gianbecchina a Gangi

L’esposizione, che verrà inaugurata venerdì nelle sale affrescate da Gaspare Fumagalli e Pietro Martorana del settecentesco palazzo Bongiorno, raccoglie ventidue dipinti e otto acquarelli. La mostra è organizzata dall’Istituzione Gianbecchina con il comune Città di Gangi si potrà visitare fino al 30 giugno.

L’Istituzione Gianbecchina, che già custodisce un patrimonio di un centinaio di opere che lo stesso artista aveva donato nel 1998, si arricchisce di un nuovo tema. È quello della natura, che il Maestro sambucese, scomparso nel 2001, ha dipinto nell’arco di varie stagioni tra gli anni Ottanta e Novanta.

«Il grande paesaggio – spiega il figlio Alessandro Becchina – è un tema che è sempre stato caro a mio padre». «Rappresenta – aggiunge – l’ultimo periodo dell’attività creativa. La sua è una visione intima, un rapporto diretto tra l’artista e la natura, la sua pittura potremmo definirla come una prospettiva a volo d’uccello dove protagonista assoluto è il paesaggio siciliano colmo di luce, bellezza, sentimento ma anche rispetto».

L’idea della mostra nasce proprio per sottolineare il rispetto verso la natura, il territorio e l’ambiente deturpati dai violenti incendi della scorsa estate che hanno mandato in cenere gran parte dei boschi del territorio.

«Gianbecchina – dice Rosanna Migliazzo, presidente dell’Istituzione – ha impresso solarità alle proprie tele, ha trasmesso al mondo una Sicilia dorata, dalle tinte forti, calde, vivaci, che appartengono al patrimonio di noi tutti».

«La sua produzione artistica è un omaggio alla terra e noi attraverso questa mostra vogliamo dare un segnale di rinascita all’intero territorio. In occasione dell’inaugurazione della mostra  l’Istituzione che presiedo, insieme alla Coldiretti Sicilia, donerà infatti al Comune di Gangi degli alberi destinati al rimboschimento delle aree maggiormente colpite, il luogo che abbiamo individuato per la rinascita è un boschetto che si trova a poca distanza dal centro abitato».

“Protagonista: Terra Arte e Natura” e Gianbecchina saranno fonte di ispirazione anche per alcuni ceramisti siciliani che doneranno le loro opere all’Istituzione di Gangi. La mostra sarà accompagnata da un catalogo arricchito dai testi di: Tanino Bonifacio, Valentina Bruschi e Enzo Randazzo.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati