253441_10150282193154505_2204476_nAlcune parole o espressioni tipiche che, insieme all’intonazione , caratterizzano il dialetto di ogni singolo territorio (infatti spesso di una stessa parola ci sono più forme).

Alcune di esse sono ormai assolutamente in disuso, altre, al contrario, sono assurte a termini “ufficiali” ed utilizzate anche da chi sta parlando in italiano.

 

– Accura ( o: duna accura) = attenzione, stai attento

– Accussì = così

– Adà = dai!, su! o: dunque…

– Adasciu (o: arasciu) = piano

– Addritta ( o: al’addritta) = in piedi

– A facciabbuccuni = capovolto, sottosopra

– Agghiurnà = è spuntato il giorno

– Aguannu = quest’anno

– Aieri = ieri

– A la scurata = al tramonto

– Allestiti = sbrigati

. Ammatula = inutilmente

– Ammucciuni = di nascosto

– A muzzu = a casaccio

– Amunì (o: amuninni, iamuninni) = andiamo

– A picca a picca = piano piano, a poco a poco

– A pinnuluni = sospeso, ciondoloni

– Arrassu = lontano

– Arrè (o: arrieri) = di nuovo

– Arrimìnati = muoviti, datti da fare

– Assèttati (o: assiettati) = siediti

– Attia = ehi tu

– Bé!, ccè!, bi!, gè!, oh-oh!, ba!, va! pi!, mi ( o mizzica, misca, minchia)!,ecc. = esclamazioni, espressioni di meraviglia che caratterizzano i dialetti dei singoli comuni

– Beddra Matri ! (o: Beddra Ma’) = mamma mia ! Madonna mia!

– Bon’abbonè (o solo: abbonè) = meglio che niente

– Camina = su, vieni, seguimi

– Camora (o: accamora) = per ora

– Camurria = seccatura

– Catammari-catammari = piano piano, lemme lemme

– Cè! ( o cessu!) = peccato!

– Chi ha? = cos’hai?

– Chi si dici? = come va?

– Chi vo (o chi bbo, o chi vua)? = cosa vuoi?

– Comu si? = come stai?

– Cu ccu l’ha? = con chi ce l’hai?

– Cu è? = chi è?

– Cu fu? = chi è stato?

– Cusà = nel caso che…

– Darrè (darria, darrieri) = dietro

– Dicemmiru = dicembre

– Ddra banna = dall’altro lato

– Ddra ncapu (o: ddra susu) = lassù, là sopra

– Fari mala vita = affrontare difficoltà

– Frivaru = febbraio

– Ghinnaru = gennaio

– Macari = anche , pure

– Maju = maggio

– Manzinnò ( o: masinnò) = altrimenti, se no

– Mascaratu (o: mascaruni) = furbetto, mattacchione

– Mazziò ( o: mazziornu)= mezzogiorno

– Mèrcuri (o: mercuridia, mercu) = mercoledi

– Mezzu-mezzu = così così

– Mezzu tempu = periodo primaverile o autunnale

– Mprescia-mprescia = presto presto

– Musta cca ( o: vegna cca)= dammii

– Natr’ annu = l’anno prossimo

– Ncuttu-ncuttu = vicino vicino, fitto fitto

– Novemmiru = novembre

– Ntramuntata = in salita

. Ntrapinninu = in discesa

– Nzamà (o: nzamaddiu) = non sia mai

– Nzumma = insomma

– Oggellannu = l’anno scorso

– Oi = oggi

– Ogni tanticchia = spesso

. Ogni tantu = raramente

– Ottuviru = ottobre

– Passi ddrà = espressione tipica per scacciare i cani, ogni tanto usata più genericamente come “via !”

– Picca ( o: piccareddra) = poco

. Picciò! = ragazzi!

– Quannu ma no = almeno, se non altro

– Sapiddru = forse, boh, non ricordo

– Scurà = è venuta la notte

– Schifiu! = che schifo

– Siddru = se

– Soccu…(o: zoccu…) = ciò che,,,

– S’assittassi (o: sa s’assietta) = si sieda

. Susissisi ( o: sa si susi) = si alzi

– Sùsiti = alzati

– Talè (o: talia) = guarda

– Tanticchia( o: anticchia o: tecchia) = un po’

– Tuttu nzemmula = improvvisamente, ad un tratto

– Vasinnò = altrimenti

– Veni cca = vieni

– Vènniri (o: venniridia) = venerdì

– Vidè (o: bidè , videmma) = anche , pure

– Zittuti! = Silenzio, stai zitto

– Zzoccu è jè ( o: zzoccu dèdè. o soccu….) = qualunque cosa