Un indagine della guardia di finanza di Ragusa ha scoperto un giro di fatture false che ammonta a circa sei milioni di euro. Sono state denunciate 13 persone per reati fiscali riconducibili a nove società con sede tra Acate e Vittoria, nel Ragusano, e sono stati posti sotto sequestro denero e beni mobili e immobili per oltre 1,1 milioni di euro.

I militari hanno rilevato diverse irregolarità in alcune partite iva di società che si occupano di produzione di imballaggi, di trasporto merci su gomma e di commercio all’ingrosso di ortofrutta, con rapporti commerciali anche con l’estero. I controlli hanno permesso di individuare un vero e proprio sistema di emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, messo in piedi da sette persone che avrebbero utilizzato come amministratori delle società sei prestanome nullatenenti. Tra questi, figura anche un'intera famiglia di Vittoria che, a causa delle difficoltà economiche, si è prestata a divenire intestataria fittizia di diverse società.