Il sistema era semplice per aggirare il numero chiuso delle facoltà mediche. Soprattutto medicina e odontoiatria. Non si superava il test e i giovani che aspiravamo a diventare medici o dentisti si andavano a iscrivere nelle facoltà della Romania.

[Continua la lettura dell’articolo]