Truffato il medico responsabile della clinica Triolo-Zancla di Palermo, Luigi Triolo. Qualcuno è riuscito ad accendere un mutuo da 45 mila euro rubando la sua identità: per farlo, si è servito di una carta d'indentità contenente i suoi dati (ma con una foto diversa), un codice fiscale corretto ma fasullo, un Cud e diverse firme false. Il denaro è stato utilizzato per acquistare un'Audi A4 in una concessionaria palermitana e sono stati inoltre attivati altri 7 prestiti con diverse finanziarie, per ottenere somme tra 3 mila e 20 mila euro. Triolo ha presentato una denuncia per furto d'identità e truffa.

Il medico ha appreso tramite una lettera che una finanziaria gli aveva appena concesso un prestito di 45 mila euro, da restituire in 60 rate per l'acquisto di una macchina. La pratica, avviata con dati veri, ma documenti fasulli, è stata bloccata, ma intanto il medico è stato segnalato al Crif, il ssitema di informazioni creditizie in cui vengono inseriti anche i cosiddetti "cattivi pagatori", cioè coloro che non onorano i debiti e non pagano le rate dei mutui. Facendo altre verifiche sull'auto è emerso che l'Audi è stata subito rivenduta a un'altra persona e, nel giro di una settimana, ceduta a una concessionaria che vende auto usate. In questo modo, neanche l'azienda potrà mai recuperarla. Le indagini sono in corso e la procura sta cercando di risalire all'identità dei truffatori.