Arrestato a Palermo il 26enne Pietro Calaiò, soprannominato il "re della truffa". I carabinieri della stazione di Borgo Nuovo lo hanno fermato nel corso di un'operazione scaturita da una intensa attività d'indagine. Calaiò aveva colleizonato denunce in tutta italia: i militari sono riusciti a identificarlo additandolo come responsabile di una truffa commessa nel gennaio del 2013. Il 26enne, traggiunto da un ordine di carcerazione emesso dalla procura di Palermo, dovrà scontare la pena di un anno al Pagliarelli. 

Come spiegato dai carabinieri, «Calaiò è considerato il re della truffa: sono infatti centinaia le denunce collezionate dal ragazzo in tutta italia, per  truffe commesse con modalità variegate, da internet a vendita di macchine inesistenti, ad assegni a vuoto».