Guidare senza patente non sarà più un reato. Lo stesso varrebbe per le patenti revocate o non rinnovate per la mancanza dei requisiti. A dare la notizia, Quattroruote: secondo il sito del noto giornale, infatti, lo prevede uno schema di decreto legislativo approvato qualche giorno fa dal governo e trasmesso il 17 novembre scorso alla camera per il necessario, preventivo, parere dei due rami del Parlamento.

La novità – si legge su Quattroruote – rientra nell'ambito della drastica depenalizzazione dei reati attualmente punibili con la sola pena della multa o dell'ammenda, prevista dalla legge 67/2014. 

Tra questi rientra proprio la guida senza patente, prevista dall'articolo 116 del Codice della strada, che recita:

Chiunque conduce veicoli senza aver conseguito la corrispondente patente di guida è punito con l'ammenda da 2.257 euro a 9.032 euro; la stessa sanzione si applica ai conducenti che guidano senza patente perché revocata o non rinnovata per mancanza dei requisiti fisici e psichici. Nell'ipotesi di recidiva nel biennio si applica altresì la pena dell'arresto fino a un anno. Per le violazioni di cui al presente comma è competente il tribunale in composizione monocratica.

Quando entrerà in vigore il decreto legislativo, al posto dell'ammenda è prevista una sanzione amministrativa che può andare da 5.000 a 30.000 euro.