Forse non tutti sanno che WhatsApp può sospendere le utenze senza alcun preavviso. Il quotidiano spagnolo "El Pais" ha stilato una lista dei 5 motivi per cui si può rischiare.

1. Troppi messaggi a utenti che non si conoscono
La sospensione può arrivare nel caso in cui un utente invii troppi messaggi a persone che non abbiano il suo numero in rubrica. WhatsApp non precisa quanti, ma suggerisce di mandarli solo a chi si sia sicuri abbia il nostro numero.

2. Contatto bloccato da più utenti
Un secondo caso è invece quello che si verifica nel momento in cui diversi utenti bloccano un contatto per un breve periodo; questo, a sua volta, potrà essere sospeso dal servizio di messaggistica istantanea.

3. Troppi gruppi con numero non in rubrica
Terzo motivo per cui si rischia la sospensione: la creazione di gruppi che includano utenze che non hanno registrato il numero del mittente. WhatsApp suggerisce anche in questo caso di verificare che i destinatari abbiano il nostro contatto in rubrica.

4. Stesso messaggio inviato a più persone
Quarto: l'invio di uno stesso messaggio a più persone senza l'utilizzo dei gruppi. L'alternativa per non incappare nel blocco è proprio quella di creare un gruppo per inviare il proprio messaggio.

5. Violazione dei termini di servizio
Infine, c'è un motivo più generico: se la compagnia ha il sospetto che l'utente abbia violato i famosi termini di servizio, anche in questo caso può intervenire bloccandolo.  

Come effettuare i reclami

Nel caso in cui si incappi in una di queste ipotesi, sullo schermo del nostro smartphone comparirà la seguente scritta: "Il tuo numero di telefono non è autorizzato a utilizzare il nostro servizio. Per ottenere aiuto, contattare il supporto". Di solito il messaggio è accompagnato dalla durata del blocco, nel caso in cui questo sia temporaneo. Se l'utente ritiene che si tratti di un errore, deve scrivere una mail a support@whatsapp.com. Se però la compagnia ritiene che la decisione presa sia corretta, l'utente rischia la radiazione definitiva.