Sono ufficialmente fuori pericolo i quattro gemellini Vittoria, Costanza, Marcantonio e Geremia: adesso i loro genitori, i coniugi Maria Antonietta e Andrea Capobianco, li cresceranno nella loro casa di Sant'Agata Li Battiati (CT). I piccoli sono venuti alla luce il 4 dicembre scorso, alla 31esima settimana di gestazione, da due embrioni impiantati a Catania con fecondazione assistita. L'evento è stato unico in Europa: i due embrioni si sono entrambi divisi con la creazione di due set di gemelli monozigoti identici, una coppia di femminucce e una di maschietti. Le possibilità di sopravvivenza dei feti erano basse, ma la vita si è imposta. Così, questi "piccoli guerrieri" sono stati dimessi dall'ospedale il 23 febbraio – sono nati al "Gaslini" di Genova" – proprio nel giorno del compleanno del papà. Da poche settimane sono tornati in Sicilia e domenica festeggeranno il ritorno a casa, con parenti e amici. 

Per i genitori, la routine quotidiana è piena è impegnativa: «La nostra sveglia – spiega Maria Antonietta a La Sicilia– suona alle 5 del mattino per la poppata. Dopo un’ora arriva già qualcuno ad aiutarci e la giornata comincia scandita da ritmi ormai abitudinari. Alla successiva poppata delle 8,30 segue il momento dei cartoni animati, divertente per loro rilassante per noi. È in questo lasso di tempo che ci dedichiamo alla casa. Poi è il turno di bagnetti, cambi, pesate, giochi e pappe. A volte dimentichiamo anche di pranzare. Così fino alle 20,30, quando i gemellini crollano dopo una giornata intensa. La porta di casa si chiude e noi ritroviamo noi stessi e riconquistiamo i nostri spazi. Un quinto figlio è già nei nostri programmi. Per ora, però, ci concentriamo a festeggiare e crescere quelli che abbiamo».

Foto: La Sicilia