“Quella di mia figlia è una morte annunciata”. E’ comprensibilmente dura Teresa Matassa, la madre di Rosy Bonanno, uccisa dall’ex marito nella casa dei genitori. Parla fra le lacrime e a tratti le sue parole non risultano comprensibili: “Lui ci aveva minacciato più volte. Lo aveva detto chiaramente che se non fosse tornata con lui o non gli avesse dato il bambino l’avrebbe uccisa. Lo abbiamo denunciato sei volte ma non è mai successo niente. Ora siete tutti qua quando ormai non c’è più nulla da fare”.

[Continua la lettura dell’articolo]