Hanno rapidamente fatto il giro di Facebook da una bacheca all'altra le foto pubblicate da alcuni genitori per mettere in guardia dal ciò è stato scoperto nascosto in alcuni biberon di plastica con beccuccio antigoccia. In particolare, il modello in questione viene prodotto dall'azienda Tommee Tippee, ma potrebbe comunque avere delle caratteristiche simili ad altri in commercio. 

Marie ha scritto su Facebook: "Il mio amico Simon si chiedeva come mai suo figlio fosse sempre malato. Ha rotto una parte del beccuccio del biberon marca Tommee Tippee e vi ha scoperto dentro della muffa". L'acqua non riuscirebbe a penetrare in quella parte del biberon, che non può essere smontata né pulita. 

Il tam tam tra genitori è stato immediato: l'azienda francese, molto nota nel settore è finita nell'occhio del ciclone ed ha risposto alle accuse: "Siamo consapevoli dell'importanza fondamentale del benessere dei vostri figli e vi assicuriamo che abbiamo testato le valvole dei biberon e i risultati hanno confermato chiaramente che tutto funziona correttamente se vengono seguite le istruzioni per l'uso e la pulizia". Si tratterebbe, dunque, solo di un errore da parte dei genitori e non di un difetto del prodotto in sé.