Il pistacchio di Bronte ha un nuovo, entusiasmante stabilimento di produzione. La firma è di Bacco, azienda dolciaria di Bronte, cui si deve il delizioso panettone farcito con la crema al pistacchio dop raccolto ogni due anni fra le lave del vulcano e pluripremiato a Bruxelles, nel cuore dell'Europa.

Sabato scorso è stato inaugurato a Cesarò, uno dei comuni montani della catena messinese dei Nebrodi, il nuovo e più grande stabilimento di produzione della ditta. L'azienda mantterà a Bronte lo showroom con l'esposizione e la vendita delle sue leccornie a base di "oro verde" dell'Etna. Una bella storia d'impresa locale che vede una intelligente sinergia fra pubblico e privato, come sottolinea giustamente il "Giornale di Sicilia".

Grazie a un accordo con l'amministrazione comunale di Cesarò, infatti, Claudio Luca, amministratore unico della Bacco srl, ha ottenuto in comodato d'uso due capannoni confinanti nella zona artigianale. Quasi mille metri quadrati di superficie, il triplo dell'area sinora utilizzata a Bronte, dove sarà allestita la nuova e più innovativa linea di produzione. Un investimento strategico, quello di Claudio Luca, che consolida la storia di una piccola e promettente eccellenza dell' agroalimentare siciliano.