ISPICA (RAGUSA) – Il sesamo di Ispica, in provincia di Ragusa, conquista Torino e il suo prestigioso Salone del Gusto. Nella giornata di ieri è partita la dodicesima edizione de "Terra Madre Salone del Gusto". A portare in alto il nome di Ispica è l’associazione di produttori "Ghiugghjulena" con in testa Enzo Barone. La missione, del resto, è parecchio importante: valorizzare le eccellenze nostrane in quella che viene ritenuta tra le più illustri vetrine enogastronomiche in Europa. Un obiettivo non da poco che, con i giusti sforzi, può fare da volano al rilancio economico della Sicilia.

Il sesamo di Ispica, presidio slow food e non solo

Il sesamo made in Sicily, al di là di tutto, già da un po' di tempo è un rinomato presidio slow food. Del resto il sesamo di Ispica si contraddistingue grazie alla qualità dei terreni che trattengono l’acqua e consentono la migliore produzione possibile. Una vera eccellenza portabandiera di qualità sicula, per l'appunto.

L'assessore al Turismo e allo Sviluppo economico Giuseppe Pluchinotta ha dichiarato: "Da oggi e fino a lunedì prossimo il sesamo di Ispica sarà in vetrina grazie a una delegazione di produttori ispicesi che da tempo ormai si impegna nel rilancio di questa coltura. Questo seme dal grande gusto è in grado di identificare il nostro territorio con un prodotto, la Ghiugghjulena, conosciuta ormai in tutto il mondo. Un grazie va quindi all’associazione ispicese con a capo Enzo Barone che si spende quotidianamente per rilanciare una coltura che ha le sue radici proprio nella nostra cittadina".

A Pluchinotta fa eco il sindaco di Ispica, Pierenzo Muraglie: "Passo dopo passo dunque il sesamo di Ispica, piccolo e antico gioiello dell’agricoltura siciliana, sta conquistando grandi mercati grazie ai produttori ispicesi che quotidianamente si impegnano per la sua promozione. Il Salone del Gusto di Torino rappresenta un’importante vetrina che coniuga gusto e territorio, grande risonanza per la nostra città".