bronzo-300x178Dall’uomo creduto morto che si risveglia durante il suo funerale a Lamezia Terme a Schettino comandante dei traghetti dello Stretto di Messina, dal ragno gigante a Gioia Tauro fino al ritrovamento del terzo bronzo di Riace: impazzano sul web le clamorose bufale lanciate da siti esplicitamente satirici ma poi riprese da giornali veri e propri che cadono nel tranello dei social network, dove in molti credono che la notizia originaria sia vera, la condividono, ne parlano e poi non appena scoprono che è tutto uno scherzo, ci rimangono male. Il “falso” del giorno è ovviamente il ritrovamento del terzo Bronzo di Riace, che sarebbe stato scoperto a “Portu Fartucchiu” (?!?) grazie alle violente mareggiate nei giorni scorsi. E sapete chi avrebbe annunciato la notizia? Nientepopodimeno che la “Soprintendenza Speciale per i Beni della Magna Grecia di Epizefiri (RC)” (!!!).
bronziIn realtà, non solo (ovviamente) non è stato ritrovato alcun “terzo bronzo di Riace”, ma non è neanche detto che questa fantomatica statua esista davvero. L’idea che i due Bronzi esposti al Museo della Magna Grecia di Reggio Calabria non fossero soli è arrivata da un ricercatore di Vibo Valentia,Giuseppe Braghò, che ha scatenato il clamore mediatico con alcune dichiarazioni e un esposto alla procura di Roma affinchè si indaghi su scudi, almi, lance e “il fratello” dei due guerrieri che sarebbero stati trafugati più di 40 anni fa dai fondali calabresi. Ipotesi mai dimostrate da tutti gli approfonditi studi ufficiali.
Meglio ricordare la puntata di “Ulisse, il piacere della scoperta” che domani sera con Alberto Angela manderà in onda uno speciale sui Bronzi. Quelli veri.

Peppe Caridi