Era il 2005 e di Tara Grinstead, insegnante di 31 anni, non si ebbero più notizie: sparì dalla sua casa di Ocilla, nel sud della Georgia (Stati Uniti), senza lasciare traccia. Ma ora, dopo 12 anni, la polizia ha ricevuto una soffiata che può riaprire tutto, come racconta la stampa americana. Ex reginetta di bellezza e insegnante di storia alla Irwin County High School, Tara fu vista l'ultima volta il 22 ottobre 2005: era andata a pranzo con alcuni amici e poi era rientrata a casa. La scomparsa fu denunciata alla polizia due giorni dopo, quando la donna non si presentò al lavoro.

Quando gli agenti fecero irruzione nel suo appartamento non c'erano segni di effrazione: il suo cane e il suo gatto erano in casa e la macchina era parcheggiata nel vialetto. La polizia non è mai riuscita a trovare la sua borsa e le chiavi, ma ha trovato un guanto in lattice nel cortile di fronte alla villetta. Pochi elementi che hanno fatto brancolare nel buio la polizia per oltre un decennio. 

La svolta è arrivata poche ore fa, quando il Georgia Bureau of Investigation ha annunciato di aver arrestato con l'accusa di omicidio Ryan Alexander Duke, un 33enne, ex alunno della scuola dove Tara insegnava. Secondo la polizia, Duke fece irruzione nella casa della donna per svaligiarla e la uccise. Poi avrebbe nascosto il cadavere in un luogo sperduto per non lasciare alcuna traccia. Al momento sono ancora tanti gli interrogativi aperti: tutt'oggi non è noto dove siano sepolti i resti della donna, quale sia stato il movente dell'omicidio e se ci siano stati dei complici. 

La scomparsa aveva sconvolto la comunità di Ocilla. Diversi volontari avevano perlustrato l'area per ritrovarla, era stata istituita una linea telefonica per chiunque avesse informazioni ed erano stati offerti 100mila dollari alla persona in grado di portare all'arresto dei colpevoli e al ritrovamento di Tara