La storia di Andrea Ricca ha fatto il giro del web. A soli dodici anni combatte contro la sua terribile malattia con tanta volontà. 

Andrea soffre di fribrosi cistica, una patologia che lo costringe a vivere seguendo una cura. Il ragazzino ogni girono assume 25 pillole al giorno e sugue diversi accorgimenti che gli consentono di avere una vita "normale".

 

In una recente intervista fattagli da Fanpage, il giovane ha raccontato la sua giornata tipo e come “convive” con il suo grave problema. 

 

"Tutti i giorni mi sveglio alle sei del mattino per fare le terapie. Io ho tanto sonno, così mamma mi porta nel lettone e faccio l'aerosol vicino a lei. Poi faccio fisioterapia saltando sul tappeto elastico con la mascherina dell'ossigeno: serve a tirare fuori il muco. Dopo faccio colazione e inizio a prendere le prime sei, sette capsule del giorno tra enzimi, vitamine e antibiotici. Alle 8:00 entro a scuola fino alle 14:00.

Pranzo a casa, faccio i compiti e poi rifaccio gli aerosol (altri tre!). Mi alleno tutti i giorni a casa facendo crossfit con papà quando c'è, anche se ormai ho imparato a farlo anche da solo perché mi ha preparato una scheda da seguire. Faccio ginnastica a casa perché ho bisogno dell'ossigeno e la bombola è molto grande. Da quando ho iniziato sono cresciuto tanto e sono anche più muscoloso. Mi piace!

Dopo ceno e guardiamo la tv tutti insieme. Ogni volta che mangio prendo sempre le capsule (gli enzimi). Devo prenderle in base ai grammi di grasso che ci sono negli alimenti, quindi ci ho messo un po’ a capire quanti ne devo prendere. Comunque mamma e papà mi aiutano ancora qualche volta”, così ha raccontato Andrea che ha concluso dicendo: 

«Io sono felice. Mi piace la mia vita. Lo ammetto, non è facile, ma ogni giorno mi sento più forte quando supero le difficoltà».

Nonostante le evidenti difficoltà, e i limiti, dati dalla brutta malattia, Andrea ha una grandissima forza e tenacia, non perde mai occasione per essere di buon umore.