La Grecia dice no, la Sicilia dice sì. Dopo che l'Acropoli di Atene ha rifiutato di ospitare una sfilata di un quarto d'ora ipotizzata da Gucci, il direttore della Valle dei Templi di Agrigento, Giuseppe Parello, si è candidato al suo posto: «I templi greci – ha detto – ce li abbiamo anche ad Agrigento. Gucci venga da noi».

Al momento non si è parlato dell'aspetto economico: «Iniziative come questa – osserva il direttore del parco archeologico agrigentino – hanno un risvolto positivo anche per la nostra immagine”. Ma Parello ha anche precisato: «Da noi solo bambini e scuole entrano gratis. Per queste iniziative bisogna pagare, e pagare tanto».

«Le nostre richieste – ha inoltre specificato Parello – sono il rispetto assoluto dei luoghi e la possibilità per il pubblico di visitare la Valle prima e dopo la sfilata. E poi, ovviamente, c’è il fattore decoro, ma ovviamente lo stile Gucci sarebbe una garanzia: dico, in via teorica, che se qualcun altro ci chiedesse di fare sfilare una pornodiva non accetteremmo, ma su una maison di questo livello non c’è neanche da dubitarne».