PALERMO – E' stato sorpreso dagli agenti mentre rubava uno scooter e, per sottrarsi all'arresto, ha tentato di lanciarsi nel vuoto. A salvarlo, è stato proprio un poliziotto. Per lui sono scattate le manette ma almeno, in questo modo, non è andato incontro ad una probabile morte. Il protagonista dell'episodio, avvenuto nella zona di viale Strasburgo, è un ragazzo di 23 anni, originario di Bagheria: stava armeggiando con uno scooter posteggiato, quando una segnalazione anonima ha fatto scattare l'intervento degli agenti. Inizia un'inseguimento e il ladro, che non conosce bene la zona, raggiunge una strada apparentemente senza uscita, delimitata da un muro alto quasi due metri. 

Il ragazzo pensa di scavalcare la parete e lanciarsi nel vuoto, ma il poliziotto che lo insegue gli dice di desistere, perché  oltre quel muro c'è un precipizio di oltre 15 metri. Il ladro non ci crede e, una volta arrivato in cima, cerca di buttarsi

"Il poliziotto – hanno spiegato dalla questura – è riuscito a scalare la parete, si è aggrappato al piede del giovane e lo ha tirato giù. E' stata una scena surreale: i due si sono abbracciati, il ragazzo è scoppiato in lacrime e, manette ai polsi, ha ringraziato l'agente che gli ha salvato la vita.