PALERMO – A dare l'allarme sono stati i residenti dello stabile, che hanno prima sentito un boato e poi hanno visto divampare le fiamme, senza capire sul momento cosa fosse successo.

Paura in un palazzo del quartiere Zisa, a Palermo, dove un incendio ha distrutto un appartamento al terzo piano. A causare l'incendio, una banale distrazione: il proprietario dell'appartamento è uscito di casa lasciando la caffettiera sul fuoco.

L'uomo, un pregiudicato, aveva ottenuto un permesso. Gli altri inquilini del palazzo hanno subito notato il fumo che si propagava per le scale ed hanno avvisato i vigili del fuoco: sul posto sono arrivati polizia e pompieri, che hanno domato le fiamme intervenendo con un'autoscala. Necessario anche l'intervento dei sanitari del 118, che hanno prestato soccorso ad una donna in preda al panico.